Logo Cronache Maceratesi

Delitto di Pamela, il procuratore:
«Nessun rischio di scarcerazione»

ORRORE A MACERATA - Giovanni Giorgio dopo le notizie apparse in alcuni giornali nazionali sul fatto che il nigeriano Innocent Oseghale potrebbe uscire di cella è intervenuto spiegando che non c'è questa possibilità
3 commenti
del 07/02/2018, ore 14:42
... letture

 

Il procuratore Giovanni Giorgio

 

«Nessun rischio di scarcerazione». Così il procuratore Giovanni Giorgio pochi minuti fa dopo che era emersa l’ipotesi, su alcuni giornali nazionali, che Innocent Oseghale, l’uomo accusato di aver ucciso Pamela Mastropietro, potesse uscire dal carcere dopo che il gip ha disposto la misura cautelare per vilipendio e occultamento di cadavere ma non per l’omicidio.  

Su questo punto c’erano state questa mattina reazioni politiche, come quella del leader di Forza Nuova Fiore, che domani sera è atteso a Macerata per una manifestazione, che ha detto oggi in un comunicato «Le notizie di una possibile scarcerazione del nigeriano Innocent Oseghale stanno provocando orrore e risentimento non solo a Macerata ma in tutta Italia» e ha aggiunto che «se sarà scarcerato sarà rivolta». Carlo Ciccioli, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia e candidato alle politiche, ha parlato della possibilità di Oseghale di poter «godere presto di un indegno ritorno in libertà». Sulla possibilità di una scarcerazione, il procuratore è però stato chiaro: «Ho letto queste notizie, ma non c’è questo rischio e lo trarremo a giudizio».

(Gian. Gin.)

Innocent Oseghale con i carabinieri davanti all’abitazione di via Spalato

 

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

  1. Lorenzo Bellesi 2018-02-07 | 16:02:56

    Come ha detto qualcuno, il reato di spaccio non esiste?

  2. Riccardo Nardi 2018-02-07 | 17:20:22

    Che ci sia il rischio di scarcerazione non c’è ma sicuramente la magistratura di sinistra troverà il modo di aiutarlo il più possibile!!!

  3. Claudio Fabbrizio 2018-02-08 | 18:38:26

    Se non ricordo male in uno dei tanti articoli si è evidenziato, dalla prima autopsia, che il fegato della povera Pamela ha ricevuto due fendenti. Ma perchè uno dovrebbe vibrare due coltellate ad un cadavere deceduto per overdose? Per coloro che non hanno contezza di anatomia dare coltellate al fegato significa morte certa. A meno che Pamela non abbia fatto “karakiri” è più che evidente si tratti di OMICIDIO VOLONTARIO aggravato.


Commenta

Se non sei ancora registrato, puoi farlo qui


Gli articoli più letti

  1. 24 Feb - Investimento a Trodica,
    muore una ragazza
    Accertamenti fino a notte fonda
  2. 25 Feb - Morta a 19 anni sulla strada,
    il padre arrestato
    Contestato omicidio preterintenzionale
  3. 17 Feb - Stazione: prostitute minorenni,
    il passaggio di Pamela e gli spari di Traini
    Tutto ripreso dall’occhio elettronico
  4. 21 Feb - Pamela, spunta nuovo testimone
    La mamma: «E’ stata ingannata»
  5. 23 Feb - Arriva Burian: neve fino alla costa,
    temperature polari in montagna
  6. 20 Feb - Pamela, i nodi del giallo
  7. 20 Feb - «Sono solo, non so dove andare»
    17enne chiede aiuto ai carabinieri
  8. 17 Feb - Pamela, la casa dell’orrore
    è stata set di un film giallo
  9. 21 Feb - Maxi tamponamento in superstrada
    (FOTO)
  10. 15 Feb - Pamela, ecco l’ordinanza del giudice:
    autopsia, telefoni e contraddizioni
    i cardini della custodia in carcere
  11. 21 Feb - Neve sulle strade,
    camion di traverso
  12. 24 Feb - Burian, molte scuole chiuse
    Sospesi esami e corsi all’Unimc
  13. 15 Feb - Macerata, spaccio di eroina:
    «Lotta tra mafie straniere
    e i nigeriani vogliono il mercato»
  14. 22 Feb - Omicidio di Pamela, Borgani:
    «Convinto ci sia qualcun altro»
    Per Oseghale stop ai contatti con la figlia
  15. 16 Feb - Pamela, lo strano via vai
    nella casa dell’orrore
  16. 21 Feb - Addio a Luana Cantatore,
    muore a 47 anni
  17. 23 Feb - Overdose al park Sferisterio
  18. 24 Feb - Chirurgo ha un malore al lavoro,
    soccorso con l’eliambulanza
  19. 21 Feb - Carancini, faccia a faccia con la città
    Tra insulti social e minacce alla famiglia
    «Mi merito tutto questo?»
  20. 18 Feb - Costituzione e Inno d’Italia
    al Monumento dei Caduti
    «per ripartire come comunità» (foto)

Pubblicità