Logo Cronache Maceratesi

Macerata, tavole di legno e chiodi:
i negozianti blindano le vetrine

CORTEO ANTIFASCISTA - Molti esercenti hanno messo a sicuro i locali, clima surreale in centro. Un gruppetto di manifestanti è già arrivato ai Giardini Diaz. Il sindaco vieta la vendita e la somministrazione delle bevande contenute in vetro, lattine e alluminio
7 commenti
del 10/02/2018, ore 12:13
... letture

Un negozio blindato

 

Tavole di legno e chiodi. Molti negozianti del centro hanno già blindato, o lo stanno facendo, le vetrine dei propri negozi, in vista della manifestazione antifascista. Una situazione quasi surreale nel cuore della città, presidiata nei punti d’accesso da un gran spiegamento di forze dell’ordine. Le scuole non hanno aperto, i mezzi pubblici si fermeranno dalle 13,30, le vie che costeggiano le mura saranno interdette al traffico dalle 14 alle 20 e il vescovo ha imposto lo stop a messe e lezioni di catechismo nel pomeriggio. Intanto i primi manifestanti hanno iniziato a radunarsi ai giardini Diaz. Il ritrovo è previsto alle 14,30, arriveranno pullman da tutta Italia, migliaia le persone attese. 

Con una ordinanza a firma del sindaco inoltre, è stato disposto per la giornata di oggi il divieto di vendita per asporto, di somministrazione e di detenzione di qualsiasi bevanda contenuta in bottiglie o contenitori di vetro, in lattine e contenitori di alluminio. Il provvedimento entra in vigore dalle 13. E’ rivolto a tutti gli esercizi e le attività di commercio e di somministrazione su area privata e pubblica che a qualsiasi titolo possono vendere e somministrare bevande nel centro storico della città, negli spazi limitrofi al percorso del corteo, in viale don Bosco, corso Cavour, corso Cairoli e vie adiacenti. Allo stesso modo è vietata a tutti coloro che parteciperanno alla manifestazione la detenzione di qualsiasi bevanda contenuta in lattine, bottiglie o altre tipologie di contenitori di alluminio e vetro.

 

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

  1. Alberto Sbarbati 2018-02-10 | 12:31:29

    Povera Italia! Speriamo che la calma regni. Un pensiero anche ai negozianti del centro che otre alla crisi debbono combattere anche questi eventi

  2. Aurelio Fichera 2018-02-10 | 12:45:40

    Che tristezza…

  3. Francesca Corvaro 2018-02-10 | 13:02:53

    Tenere chiuso un negozio di sabato pomeriggio con la speranza di non trovartelo sfasciato alla fine della manifestazione non ha prezzo.

  4. Stefano Calcaterra 2018-02-10 | 13:44:29

    fate bene i comunisti quando manifestano di solito bruciano i cassonetti e rompono tutto

  5. Alberto Poloni 2018-02-10 | 13:56:40

    Di solito mangiano anche i bambini.

  6. Sergio Ricci 2018-02-10 | 15:18:49

    Si si , ma solo quelli dei fascisti razzisti, sono piu’ teneri

  7. Stefano Valenti 2018-02-10 | 19:08:36

    Mentre andavo alla manifestazione, passando per Corso Cavour, notavo lunghe code ai bar e alle pizzerie, che arrivavano ben fuori dai locali.

    E, del resto, perché non sarebbe dovuto essere così? C’era tanta gente, molto variegata: giovani, anziani, coppie con bambini piccoli o con il cane. E’ stato un razzista a sparacchiare in giro, non chi al razzismo si oppone. Una persona, forse, con problemi psichici ma che, chissà come mai, aveva un’arma in mano.

    I negozianti che non hanno dato retta ai messaggi terroristici diffusi dalle cosiddette “autorità” hanno fatto buoni affari.


Commenta

Se non sei ancora registrato, puoi farlo qui


Gli articoli più letti

  1. 24 Feb - Investimento a Trodica,
    muore una ragazza
    Accertamenti fino a notte fonda
  2. 17 Feb - Stazione: prostitute minorenni,
    il passaggio di Pamela e gli spari di Traini
    Tutto ripreso dall’occhio elettronico
  3. 21 Feb - Pamela, spunta nuovo testimone
    La mamma: «E’ stata ingannata»
  4. 23 Feb - Arriva Burian: neve fino alla costa,
    temperature polari in montagna
  5. 20 Feb - Pamela, i nodi del giallo
  6. 20 Feb - «Sono solo, non so dove andare»
    17enne chiede aiuto ai carabinieri
  7. 17 Feb - Pamela, la casa dell’orrore
    è stata set di un film giallo
  8. 21 Feb - Maxi tamponamento in superstrada
    (FOTO)
  9. 15 Feb - Pamela, ecco l’ordinanza del giudice:
    autopsia, telefoni e contraddizioni
    i cardini della custodia in carcere
  10. 21 Feb - Neve sulle strade,
    camion di traverso
  11. 15 Feb - Macerata, spaccio di eroina:
    «Lotta tra mafie straniere
    e i nigeriani vogliono il mercato»
  12. 22 Feb - Omicidio di Pamela, Borgani:
    «Convinto ci sia qualcun altro»
    Per Oseghale stop ai contatti con la figlia
  13. 16 Feb - Pamela, lo strano via vai
    nella casa dell’orrore
  14. 21 Feb - Addio a Luana Cantatore,
    muore a 47 anni
  15. 23 Feb - Overdose al park Sferisterio
  16. 21 Feb - Carancini, faccia a faccia con la città
    Tra insulti social e minacce alla famiglia
    «Mi merito tutto questo?»
  17. 18 Feb - Costituzione e Inno d’Italia
    al Monumento dei Caduti
    «per ripartire come comunità» (foto)
  18. 23 Feb - Maltempo, allerta neve in A14
  19. 24 Feb - Burian, molte scuole chiuse
    Sospesi esami e corsi all’Unimc
  20. 17 Feb - Addio a don Mario Ramaccioni:
    «Una vita spesa per il prossimo»

Pubblicità